Marãiwatsédé : I Xavante non possono aspettare altri 20 anni

Foto: Adriano Gambarini/OPAN

Rappresentanti della etnia Xavante saranno presenti alla Rio+20 per esigere l’impegno del Brasile nella difesa delle loro richieste: devoluzione delle terre di Marãiwatsédé, che sono state invase e devastate da allevatori, nel bacino del Xingu e del Araguaia (MT).

Nel 2012, le promesse di restituzione del territorio tradizionale dei popoli indigeni Xavante de Marãaiwatsédé completano due decenni. Nel corso della Rio 92, la direzione della società italiana Agip Petrolio, che aveva acquistato un latifondo all’interno del territorio indigena, ha promesso, dopo pressioni internazionali, di restituire l’area ai suoi veri e legittimi proprietari.

Ma, 20 anni dopo, gli indigeni sono costantemente minacciati di morte, vivendo in una piccola porzione assediata e devastata del suo territorio, parte che sono riusciti ad ottenere solo dopo aver rimasti 10 mesi premuti sul ciglio della strada. Si scontrano con problemi di sicurezza alimentare, e hanno il supporto per i servizi pubblici quali l’istruzione e la salute boicottato dalle autorità locali. Eppure, trovano la forza di lottare per il diritto di vivere sulla loro terra e promuovere importanti manifestazioni culturali per riaffermare l’autonomia del popolo Xavante.

“Saremmo presenti alla Rio 20+ per esigere dal governo federale brasiliano e dagli stranieri, l’appoggio ed il sostegno. Il Brasile sta giocando con le popolazioni indigene. Diversi gruppi etnici sono stati colpiti, stanno uccidendo le popolazioni indigene, riducendo le loro aree. Oggigiorno la Corte di Giustizia opera per mezzo del denaro. Così non accade nulla, non rimuovono l’occupante della terra, non tolgono il grande agricoltore invasore. É una vergogna il nostro paese, la nostra giustizia. Perché tutto è molto lento. Quindi, il mese prossimo saremmo duri con le autoritá”, dice il cacicco Damian Paridzané, della terra indigena Marãiwatsédé.

Deixe uma Resposta

Preencha os seus detalhes abaixo ou clique num ícone para iniciar sessão:

Logótipo da WordPress.com

Está a comentar usando a sua conta WordPress.com Terminar Sessão / Alterar )

Imagem do Twitter

Está a comentar usando a sua conta Twitter Terminar Sessão / Alterar )

Facebook photo

Está a comentar usando a sua conta Facebook Terminar Sessão / Alterar )

Google+ photo

Está a comentar usando a sua conta Google+ Terminar Sessão / Alterar )

Connecting to %s

%d bloggers like this: